Ambrose Akinmusire 4et

CeDAC Musica
Jazz Club Network

Ambrose Akinmusire 4et

 

Ambrose Akinmusire (trumpet)
Sam Harris (piano)
Harish Raghavan (bass)
Rodney Green (drums)

Trombettista californiano poco più che trentenne, Ambrose Akinmusire si è imposto da subito sulla scena internazionale grazie al suo suono fluido e cristallino che guarda al passato in tutte le sue forme.

Akinmusire continua a lavorare con il suo straordinario quartetto, il pianista Sam Harris, il bassista Harish Raghavan e il batterista Rodney Green. Sebbene la tromba del virtuoso Ambrose sia sempre molto presente in “The Imagined Savior …”, essa coesiste in una struttura molto più ampia. Incute un timore reverenziale ascoltare l’energia e la concentrazione della band che si confronta con le sfide di brani come “As We Fight” “Vartha,” “Bubbles” (ispirato alla leggenda della tap-dance John Bubbles), e “Richard,” epico brano di chiusura lungo più di 16 minuti registrato live al Jazz Standard di New York City. Sono composizioni molte varie e dai generi sfumati, si va dalla classica moderna all’avanguardia pop, al jazz naturalmente, dando vita a una miriade di soluzioni musicali.

Riflettendo sulla sua propensione a creare titoli lunghi e poetici per i suoi album, Akinmusire commenta: “Non penso di essere ancora stato capace di creare un album per il quale basti una parola a renderne tutta l’atmosfera. Forse in futuro lo farò, ma adesso traggo spunto da così tanti e diversi aspetti dentro e fuori di me che è difficile trovare una singola parola che dica ‘questo significa questo.’” Akinmusire continua: “When the Heart Emerges Glistening parlava di me, di ciò che stavo vivendo e provando a cambiare o accettare di me stesso. L’ispirazione per questo album è invece al di fuori di me: le persone che ho conosciuto, i documentari che ho visto, i personaggi che ho creato.”

Il trombettista californiano si impone con il suo suono fluido e cristallino che guarda al passato in tutte le sue forme, utilizzandole per creare quel sound così graffiante e raffinato, una voce completamente nuova che si definisce ogni anno di più. Una voce al servizio della musica, una tecnica al servizio dei sentimenti e delle sensazioni, un talento che sta diventando il punto di riferimento della tromba jazz.