Chi ha paura di Virginia Woolf?

CALENDARIO TURNI AL TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI

Turno A: mercoledì 17 febbraio – ore 20.30
Turno P: giovedì 18 febbraio – ore 16.30
Turno B: giovedì 18 febbraio – ore 20.30
Turno C: venerdì 19 febbraio – ore 20.30
Turno D: sabato 20 febbraio – ore 20.30
Turno E: domenica 21 febbraio – ore 19.00

Si ricorda al gentile pubblico che per garantire il puntuale inizio dello spettacolo, le porte d’ingresso del Teatro saranno chiuse alle ore 20.25 per i turni A, B, C, D, alle ore 18.55 per il turno E e alle ore 16.25 per il turno P.

TieffeTeatro
Chi ha paura di Virginia Woolf?
di Edward Albee

con Milvia Marigliano, Arturo Cirillo, Valentina Picello, Edoardo Ribatto
scene Dario Gessati
costumi Gianluca Falaschi
luci Mario Loprevite
regia Arturo Cirillo

Dopo il felice incontro tra un gruppo di attori e la produzione TieffeTeatro avvenuto la stagione scorsa con lo spettacolo Lo zoo di vetro di Tennessee Williams, ritorno a lavorare con il Teatro Menotti e con Milvia Marigliano, Monica Piseddu, Edoardo Ribatto, oltre che con Dario Gessati, Gianluca Falaschi, Mario Loprevite, a un altro testo della drammaturgia americana del secolo scorso: Chi ha paura di Virginia Woolf?” di Edward Albee.

Chi ha paura di Virginia Woolf-M.Marigliano-A.Cirillo @ph Diego Steccanella

Il testo “Chi ha paura di Virginia Woolf?” credo sia una potente macchina attoriale, ciò credo esista fortemente in funzione del teatro. Come certa drammaturgia contemporanea, penso a Spregelburd per esempio, non è tanto nella sua lettura che si coglie la vera qualità della scrittura ma nell’incarnazione umorale e psicologica che avviene quando si incomincia a lavorare con gli attori. Un teatro che usa un linguaggio naturalistico ma che non si preclude una possibilità più astratta, anzi direi che la sottende. Già il “basso continuo” dato dallo stato di alterazione alcolica presuppone una forma di recitazione quasi espressionistica. Come anche invita verso una stilizzazione la valenza fortemente simbolica dei quattro personaggi, con la coppia più giovane specchio e parodia di quella più anziana, accomunate da un problema di fertilità e di mancanza di figli. Un testo bulimico ed estremo, sismico, che mi ha fatto pensare ad una scena smossa essa stessa, sconnessa, che ti scivoli sotto i piedi.

Chi ha paura di Virginia Woolf-M.Marigliano-A.Cirillo-E.Ribatto-V.Picello @ph Diego Steccanella

Il testo di Albee è una dolente e spietata riflessione sull’invecchiare, sul tempo, sull’inutilità dei giorni, ma anche sull’amore. Amore vero ed immaginario, o forse più vero quanto più immaginato. Come in una commedia di Pinter, ma contaminata col melodramma, come in un gioco al massacro, come in un interrogatorio o in una tortura, siamo in una stanza, un salotto con l’ingombrante presenza di un mobile bar, in una notte di sabato, dove pian piano si dà inizio ad un rito, un sacrificio, alla creazione di una camera ardente costruita su un fiume di alcol e di bottiglie vuote. Giocando e recitando ci si trova, senza volerlo, davanti ai propri rimpianti, pentimenti, dove si scopre che si è cattivi perché non si sopporta di poter essere amati, di potersi amare. E allora il tentativo di distruzione dell’altro è desiderio di distruzione di sè, ma da compiere impudicamente in “faccia al pubblico”, illuminati dalle luci della ribalta, dove si guarda davanti per non vedere le nostre ombre, proiettate dietro di noi, che ci fanno paura. Siamo noi quelli che hanno paura di Virginia Woolf.

(Arturo Cirillo)