Dave King Trucking Company

Dave King Trucking Company

Chris Speed – sax tenore e clarinetto

Brandon Wozniak – sax

Chris Morrissey – basso

David King – batteria

Sbarca nell’Isola la Dave King Trucking Company capitanata dal batterista di fama internazionale David King (fondatore di The Bad Plus e Happy Apple) riunisce musicisti della scena jazzistica del Minnesota e artisti di New York.

Tra le peculiarità dell’ensemble la cifra stilistica di Dave King, con i suoi tamburi costruiti con bambù e altri materiali di venatura del legno, secondo un procedimento ingegneristico all’avanguardia. Il suono delle percussioni si diffonde avvolgente scandendo con precusione una metrica a un tempo fluida e incisiva.

Le performances della Dave King Trucking Company, ogni volta differenti, si arricchiscono di nuovi spunti e materia d’ispirazione, che si traduce in una miscellanea di generi e stili, tra ammalianti melodie con un avvincente e solido interplay e virtuosistici assoli.

Il sassofonista e clarinettista Chris Speed, impreziosisce con le sue frasi eleganti e brillanti inserti i vari passaggi, mentre King e il bassista Chris Morrisey costituiscono una solida sessione ritmica,su cui si fondano pezzi di forte impatto – come “Parallel Sister Attack”. Nel mélange di suoni affiorano reminiscenze di jazz progressivo e bop, swing, rock, fusion con rapide incursioni nella libera improvvisazione.

I PROTAGONISTI

David King è un batterista / compositore di Minneapolis Minnesota. Fondatore dell’acclamato gruppo jazz The Bad Plus e del trio Happy Apple, fa parte della Junk Magic di Craig Taborn e ha inoltre suonato e inciso con – tra gli altri – Bill Frisell, Dewey Redman, Joshua Redman, Jeff Beck, Tim Berne, David Torn, Hank Roberts, Bill Carrothers, Meat Beat Manifesto, Django Bates, Dead Prez, Boots Riley, Kurt Rosenwinkle, Joe Lovano, Anthony Cox, Tchad Blake e il Mark Morris Dance Group.

Nato nel 1970 a Minneapolis MN, Dave King ha studiato pianoforte e batteria fin da ragazzo, suonando in vari gruppi musicali. Trasferitosi nell’Est nel 1989, «quando a New York c’erano ancora incendi di barili sui lotti che ora ospitano il flagship store American Apparel accanto a un posto dove si può ottenere un espresso da $ 7,00», e poi a Los Angeles nel 1991 «per scaldarmi un po’»… si è trovato «a un paio di miglia dall’epicentro del terremoto del 1994 L.A.» a quel punto, come sottolinea nella sua autobiografia «hodeciso che non era il posto per me».

Tornato a Minneapolis, ha co-fondato la Happy Apple, Love-Cars e Halloween, Alaska e nel 2000 ha dato vita a The Bad Plus a New York; e successivamente ha co-fondato The Gang Font con Greg Norton di Husker Du. Nel corso della sua intensa carriera, Dave King ha suonato in 75 paesi e 6 continenti e ha partecipato a oltre 50 registrazioni discografiche.

Sul palco e in sala d’incisione – oltre che con i suoi gruppi – ha collaborato con Bill Frisell, Joshua Redman, Dewey Redman. Jeff Beck. Tim Berne, Hank Roberts, Chris Speed, Kurt Rosenwinkle, Django Bates, Dead Prez, The Coup, Joe Lovano, Bill Carrothers, Anthony Cox, Chris Morrissey, Mason Jennings, Haley Bonar, Meat Beat Manifesto, Craig Taborn, Matt Mitchell, Matt Maneri, Benoit Delbeq, Craig Green, Jason Moran, Tchad Blake, David Torn, Donna Lewis, Atmosfera, etc.

Inoltre, ha collaborato a lungo con il Mark Morris Dance Group e con l’acclamato stilista di moda Isaac Mizrahi per la musica della settimana della moda e per il suo programma televisivo.

Ha anche realizzato e inciso colonne sonore per il cinema, per due films del regista di animazione Tom Shroeder e 6 secondi di uno dei suoi assoli di batteria è nel film “The Hot Chick” interpretato dall’icona SNL Rob Schneider…

Chris Speed è un compositore, clarinettista e sassofonista che vive a Brooklyn, New York, ed è “una delle figure principali in una scena jazz-improvvisa di sinistra centro-centro della città” (New York Times). Le sue band comprendono Endangered Blood, Human Feel, yeah NO, Trio Iffy, Pachora e The Clararin. È membro fondatore di Alas No Axis di Jim Black e Claudia Quintet di John Hollenbeck (due dei più influenti gruppi di lavoro di oggi), collabora con Uri Caine (decostruendo opere di Mahler, Mozart, Bach, Schoenberg, Gershwin). Con all’attivo un’intensa carriera, continua a fare tour, registrare, suonare e comporre, ma anche a insegnare. Tra i progetti in corso il lavoro con Craig Taborn, Michael Formanek, Dave King, la Banda de los Muertos (l’unica band di Banda di New York), oltre all’originale Endangered Blood (con Black, Trevor Dunn e Oscar Noriega) presentato su NPR’s Tiny Desk Concerts nel 2012 (Endangered Blood 2010, Work Your Magic 2013 Skirl).

Classe 1967, Speed è cresciuto nella zona di Seattle dove ha incontrato i futuri colleghi Jim Black e Andrew D’Angelo, giunti a Boston alla fine degli anni ’80 dove hanno formato Human Feel con il chitarrista Kurt Rosenwinkel. (Scatter 1992, Benvenuto a Malpesta 1994, Speak To It 1996, Galore 2007). A Boston Speed ha studiato al New England Conservatory e si è laureato nel 1990. Nel 1992, Speed e gli altri membri di Human Feel si sono trasferiti a New York City, dove Speed ha iniziato a lavorare con la Bloodcount di Tim Berne (l’ormai leggendaria band itinerante). (Unwound 1996, Discretion 1997, Saturation Point 1997, The Seconds 2006).

Durante gli anni ’90 il suo formidabile approccio all’improvvisazione su entrambi i sassofoni tenore e clarinetto ha contribuito ad altre band pionieristiche di New York, tra cui Dave Douglas Sextet (Testimone, Soul on Soul, Sanctuary, Stargazer, In Our Lifetime), My River Mistord’s Same Twice (Above Blue, Where the Two Worlds Touch) John Zorn (Bar Kokhba, Trembling Before Gd) e il trio di Mark Dresser con Anthony Coleman.

Come membro di Pachora (con Black, il bassista Skuli Sverrisson e il chitarrista Brad Shepik), Speed si è fatto conoscere sulla scena artistica di New York per la reinterpretazione delle peculiari metriche e delle melodie della musica balcanica secondo gli stilemi del jazz. Pachora è stata costituita nel 1992 per suonare musiche della Bulgaria, Grecia, Macedonia e Turchia, e si è evoluta in un ensemble di musica originale che ha girato ampiamente il Nord America e l’Europa. (Astereotypical 2003, Ast 2000, Unn 1999, and Pachora 1997). La passione per le sonorità dell’Est Europa ispira anche il più “tradizionale” Slavic Soul Party, di cui ha fatto parte dal 1996 al 2004. Oltre al tour in America, hanno trascorso due settimane in Macedonia con musicisti Rom e registrato “In Makedonija” (Knitting Factory Records) in una stazione radiofonica sotterranea a Skopje.

Il trio The Clarinets con Oscar Noriega e Anthony Burr, acclamato dalla critica (e presentato su NPR Fresh Air) esplora le possibilità del clarinetto (toni a più toni, deviazione del timbro) nel contesto dell’improvvisazione di gruppo. Questo gruppo sfuma il confine tra musica da camera composta e improvvisazione sperimentale e crea una musica acustica ambient di inusuale grazia e bellezza. (The Clarinets 2006, Keep On Going Like This 2012)

Speed ha fondato la band Yeah NO nel 1996 come esperimento nella decodifica e nella realizzazione di improvvisazioni che ispirarono un insolita raccolta di brani che fondeva anche elementi di free jazz, rock moderno, folk orientale e minimalismo. Dopo il disco d’esordio – registrato nel 1997, hanno prosperato al centro della nuova musica a New York, esibendosi frequentemente tra Knitting Factory(s) e Tonic. Hanno girato gli Stati Uniti e l’Europa e hanno registrato quattro albums. ( Yeah NO 1996, Deviantics 1998, Emit 2000, Swell Henry 2004)

Speed è stato definito l’astro nascente del clarinetto della rivista Downbeat per il 2004, 2005 e 2006, ha ricevuto una borsa di composizione NEA nel 1993, e nel 2004 è stato il solista ospite al Copenhagen International Jazz Festival dove ha collaborato con oltre 10 diverse band all’avanguardia. Nell’aprile 2006, ha lanciato Skirl Records, un’etichetta dedicata alla musica creativa di Brooklyn, che vanta per ora 21 produzioni discografiche. “Come documento della fertile scena di Brooklyn, Skirl ha pochi eguali, oltre i confini tra musica jazz, rock, elettronica, classica e improvvisata.” AllAboutJazz

Brandon Wozniak è uno dei più brillanti sassofonisti del Minnesota. È tornato nelle città gemelle – Minneapolis e Saint Paul – nel 2006 dopo sei anni a New York e sei mesi a Shanghai, in Cina. Wozniak ha studiato musica all’Università dell’Indiana con David Baker e in privato con Tom Walsh.

L’artista si esibisce regolarmente con la Dave King Trucking Company capeggiata dal batterista David King (fondatore di The Bad Plus e batterista degli Happy Apple), con il sassofonista Chris Speed, con l’Atlantis Quartet (City Pages miglior artista jazz 2011, Star Tribune Best Jazz Artist 2012), con il grande batterista Eric Kamau Gravatt (Weather Report, McCoy Tyner), con il Bryan Nichols Quintet, con Chris Bates Red 5, con la PBR Street Gang, con Mancrush di Lars Larson, e con la Beautiful Happy Sunshine Band di Cory Healey, con lo Steve Kenny Quartet e con DD7. Brandon Wozniak si è anche esibito con la cantante Nellie McKay, in tour con la Tommy Dorsey Jazz Orchestra e ha condiviso il palco con il grande organo Dr. Lonnie Smith, Jonathan Kreisberg, Francisco Mela (Joe Lovano’s Five), Steve Davis, David Berkman e Dennis Gonzalez.

Chris Morrissey – cantautore, bassista e un cantante del Minnesota come bassista, ha suonato in tour in cinque continenti con il trio di Jim Campilongo, il quartetto jazz di Mark Guiliana, con Beat Music, con la Dave King Trucking Company, con artisti come Margaret Glaspy, Boy George, Ben Kweller, Andrew Bird, Dosh, Mason Jennings, Gretchen Parlato, Trixie Whitley, Rosanne Cash, Matisyahu, Gabriel Kahane, Amy Helm, Tony Scherr e con Sara Bareilles (per la quale è anche direttore musicale). Tra le collaborazioni – e gli incontri importanti – ha condiviso il palco con Sir Elton John, registrato con Cyndi Lauper, coprodotto “Higher and Higher” di Jackie Wilson per Oprah Winfrey Network, e ha scritto l’arrangiamento di “Smile” di Charlie Chaplin per la 66esima edizione degliAnnual Emmy Awards.

Come leader, Morrissey ha inciso tre album “The Morning World” (2009, Sunnyside), “Cannon Falls Forever” (2011, self release) e “North Hero” (2013, Sunnyside).

Nel 2014 è stato inserito in Bass Player Magazine, è entrato a far parte della facoltà di New School for Jazz and Contemporary Music e ha effettuato una residenza artistica per The Jazz Gallery con la creazione di “Standard Candle”.

Si esibisce regolarmente a New York e vive a Greenpoint, Brooklyn.