GIU’ LA MASCHERA! – al via la campagna abbonamenti a Santa Teresa Gallura

CeDAC
XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo
GIU’ LA MASCHERA!

SANTA TERESA GALLURA
Cineteatro Comunale Nelson Mandela

Stagione di Prosa 2014-2015

giu la maschera 2014

COMUNICATO del 01.01.2015

Il fascino di una fiaba orientale e i misteri dell’inconscio, insieme a un vivido affresco dell’Italia nella prima metà del Novecento e una riflessione sulla casualità dei destini – per la Stagione di Prosa 2014-2015 al Cineteatro Comunale Nelson Mandela di Santa Teresa Gallura, organizzata dal CeDAC – nell’ambito del XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo, con lo slogan “Giù la Maschera!” – con il patrocinio e il sostegno del Comune di Santa Teresa Gallura. Quattro spettacoli in cartellone – dal 9 gennaio al 29 marzo 2015 – in un affascinante intreccio di suggestioni letterarie e cinematografiche, in cui le creature nate dalla fantasia prendono corpo sulla scena, assumendo piena realtà nella finzione del teatro, in un’intrigante antologia di classici e testi contemporanei.

Una rosa di quattro titoli per un’indagine sull’uomo – e il sottile confine fra vita e sogno – che mette in luce il potere svelante del teatro, capace di mettere a nudo la verità dei personaggi e mostrare il volto più nascosto della realtà – riassunto nello slogan di stampo pirandelliano “Giù la Maschera!”. Sotto i riflettori artisti come Ivana Monti e la splendida Caterina Murino accanto a Giorgio Lupano e Rosario Coppolino in “Doppio Sogno”; Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti, protagonisti de “Il bell’Antonio” dal romanzo di Brancati. In cartellone anche una storica compagnia come il Teatro del Carretto – fondata dalla regista Maria Grazia Cipriani e dallo scenografo Graziano Gregori, per un’inedita e intrigante rilettura de “Le mille e una notte” e il giornalista e scrittore Beppe Severgnini ne “La vita è un viaggio”.

Il sipario si aprirà – venerdì 9 gennaio alle 21 – su “Le mille e una notte” nell’immaginifica versione del Teatro del Carretto, con drammaturgia e regia di Maria Grazia Cipriani e scene e costumi di Graziano Gregori: tre giovani e bravissimi interpreti – Elsa Bossi, Giacomo Vezzani, Nicolò Belliti – danno vita al gioco metateatrale dello spettacolo pensato come «un labirinto in cui si passa attraverso una storia e ci si ritrova in altre storie, incatenate l’una all’altra come anelli di una catena» in una narrazione a tratti rapsodica, a formare «un unico arazzo che vuole essere un fiducioso canto alla vita».

La favola antica di Shahrazad, la figlia del Visir, che vince la crudeltà del Sultano conquistandolo con i suoi racconti, oltre a rendere omaggio all’intelligenza e all’astuzia femminile allude a una verità triste e dolorosa, e purtroppo di scottante attualità, sulla condizione delle donne nella società – ieri come oggi- e a un’idea distorta dell’amore come possesso, che troppo spesso culmina in tragedia.

Cast stellare per “Doppio Sogno” scritto e diretto da Giancarlo Marinelli, tratto dall’omonimo racconto di Arthur Schnitzler (cui Stanley Kubrick si è ispirato per il suo ultimo film, “Eyes Wide Shut”): sotto i riflettori – giovedì 22 gennaio alle 21Ivana Monti, splendida attrice di teatro e cinema, spesso presente sul piccolo schermo, e Caterina Murino, diva del grande schermo, specialmente d’oltralpe – e affascinante Penelope nella fiction di RaiUno “Il ritorno di Ulisse” con Alessio Boni – accanto a Giorgio Lupano – volto noto per il pubblico televisivo, ma anche attore di cinema e teatro – e Rosario Coppolino. Completano il cast Andrea Cavatorta, Francesco Cordella, Serena Marinelli, Simone Vaio; le scene sono di Paolo Beleù e Andrea Bianchi; i costumi di Adelia Apostolico, le musiche di Roberto Fia e il disegno luci di Daniele Davino.

La pièce originale – nell’allestimento della Compagnia Molière – indaga fra le pieghe dell’inconscio, tra i misteri dell’eros e la paura del tradimento, attraverso la vicenda di una giovane coppia alle prese con la noia della routine, per cui i sogni diventano una via di fuga, ma anche un pericoloso segreto da condividere, nei territori ambigui della fantasia e del desiderio.

Tra i protagonisti della Stagione di Santa Teresa Gallura, Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti, diretti da Giancarlo Sepe ne “Il bell’Antonio”, mise en scène del celebre romanzo di Vitaliano Brancati, nell’adattamento firmato dalla figlia dello scrittore, Antonia Brancati, e da Simona Celi (in programma mercoledì 4 febbraio alle 21). Nel cast: Elena Callegari, Simona Celi, Michele De’ Marchi, Natale Russo, Alessandro Romano e Luchino Giordana (nel ruolo di Antonio); le scene sono di Carlo De Marino e il disegno luci di Franco Ferrari. Lo spettacolo (produzione Lux Teatro) racconta la storia di uomo bellissimo e nullafacente, nella Sicilia sotto il regime fascista: un giovane affascinante e ambito, costretto dalle convenzioni a subire un destino contrario alla sua natura.

Satira dei costumi, e delle ideologie, nella pièce al confine fra commedia e dramma: l’impossibilità di amare diventa pietra dello scandalo, la sfera privata diventa pubblica, ed emerge la contraddizione tra i valori di una cultura millenaria, ma soprattutto i pregiudizi di una certa parte della società, e l’intima tragedia di un personaggio, fino all’amaro e grottesco epilogo.

Suggellerà l’interessante cartellone – domenica 29 marzo alle 21- Beppe Severgnini, giornalista e scrittore, noto editorialista del Corriere della Sera e opinionista televisivo, protagonista e autore de “La vita è un viaggio” insieme a Marta Isabella Rizi e alla cantante Elisabetta Spada (in arte Kiss & Drive: sue le musiche originali), per la regia di Francesco Brandi. Lo spettacolo (prodotto da Sosia & Pistoia) racconta l’incontro-scontro tra un uomo e una donna – molto più giovane di lui – in attesa “forzata” in un aeroporto: il caso – l’annullamento di un volo – crea una parentesi di tempo in cui i due confrontano le proprie differenti, se non opposte, visioni della vita e del mondo, svelandosi via via in una conversazione che in qualche modo li induce a riflettere su se stessi e a ripensare le proprie vite. L’iniziale diffidenza e ritrosia lascia il posto a una conversazione su temi come il talento e la tenacia, si parla delle inquietudini e dei timori inevitabili – nel lavoro e nella vita – e della necessità di trovare solidi punti di riferimento, come del piacere di riscoprire la semplicità. Poi la notte finisce, e «arriva il momento di partire: ognuno per la propria destinazione, che forse diventa la stessa».

Al via la campagna abbonamenti presso il Cineteatro Comunale Nelson Mandela di Santa Teresa Gallura – tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle 11 alle 12 – (info: cell. 339.6785869- e-mail: cooperativalabeddula.teatro@gmail.comwww.comunestg.it)

La Stagione di Prosa 2014-15 al Cineteatro Comunale Nelson Mandela di Santa Teresa Gallura, organizzata dal CeDAC con il patrocinio e il sostegno dell’amministrazione comunale di Santa Teresa Gallura (nell’ambito del XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo, con lo slogan “Giù la maschera!”), è patrocinata e sostenuta dal MiBAC/ Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport della Regione Sardegna, con il supporto della Fondazione Banco di Sardegna e uno sponsor prezioso come Sardinia Ferries.

CONTATTI: per l’Ufficio Stampa del CeDAC/ Sardegna:
Anna Brotzu – cell. 328.6923069 – cedac.uffstampa@gmail.com

CALENDARIO

CeDAC
XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo
GIU’ LA MASCHERA!

SANTA TERESA GALLURA – Cineteatro Comunale Nelson Mandela

Stagione di prosa 2014-15

9 gennaio

Teatro del Carretto
Le mille e una notte
con Elsa Bossi, Giacomo Vezzani, Nicolò Belliti
drammaturgia e regia Maria Grazia Cipriani

 

22 gennaio

Compagnia Molière
con il patrocinio della Regione Veneto
Doppio Sogno di Giancarlo Marinelli
dall’omonimo racconto di Arthur Schnitzler
con Ivana Monti, Caterina Murino, Giorgio Lupano, Rosario Coppolino
regia Giancarlo Marinelli

 

4 febbraio

LuxT
Il bell’Antonio di Vitaliano Brancati
con Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti
regia Giancarlo Sepe

 

29 marzo

Sosia & Pistoia
La vita è un viaggio
di e con Beppe Severgnini
regia Francesco Brandi

 

 

INFO & PREZZI

Abbonamenti 4 spettacoli:

intero € 50 – ridotto € 40

Biglietti:

intero €15 – ridotto €12

info: cell. 339.6785869

cooperativalabeddula.teatro@gmail.com

www.comunestg.it

www.cedacsardegna.it – cedac@cedacsardegna.it