Il berretto a sonagli

Compagnia Teatro Sassari

IL BERRETTO A SONAGLI
Lu barrettu cu li campaneddi
da “Il berretto a sonagli” di Luigi Pirandello
regia
Marco Spiga

adattamento e traduzione
Mario Lubino

con
Mario Lubino, Alessandra Spiga, Alessandro Gazale,
Alfredo Ruscitto, Margherita Nurra

Compagnia Teatro Sassari
IL BERRETTO A SONAGLI
Lu barrettu cu li campaneddi
regia di Marco Spiga

Una delle opere più complesse e impegnative di Pirandello, che ben si adatta alla dimensione sarda, sia per i contenuti, sia per l’ambientazione. L’operazione si inserisce in quel filone che la Compagnia Teatro Sassari persegue da anni, cioè quello del confronto fra drammaturgie più articolate e complesse.
Scritta nella variante linguistica siciliana “A birritta cu i ciancianeddi” fu rappresentata per la prima volta nel luglio del 1917 dalla compagnia di Angelo Musco a Roma. Protagonista dello spettacolo, la gelosa Beatrice Fiorica, la quale sospetta che il marito la tradisca con la giovane moglie di Ciampa, scrivano alle dipendenze del cav. Fiorica. Divorata dalla gelosia, pensa di smascherare la tresca allontanando Ciampa con un pretesto e facendosi aiutare dal delegato di pubblica sicurezza Spanò, il cui compito sarà quello di sorprendere i due amanti in flagrante adulterio. Lo scandalo scoppia, Beatrice assapora per un attimo la vendetta, ma viene delusa dal delegato Spanò, il quale fa in modo che gli elementi desumibili dall’indagine risultino negativi. Ma ormai la voce si è sparsa e Ciampa è sulla bocca di tutti. L’unica soluzione che trova per riscattare il suo onore offeso, è quello di uccidere i due amanti ma, prima di mettere in atto il proposito, offre una soluzione alla signora Fiorica, quella di farsi credere pazza.