Il principe di Homburg

di Heinrich von Kleist

 

con

Emanuele Carucci Viterbi, Andrea Collavino,

Lorenzo Gleijeses, Paolo Fagiolo, Fabiano Fantini, Francesco Migliaccio, Ludovica Modugno, Maria Alberta Navello, Graziano Piazza, Stefano Santospago

drammaturgia Peter Iden

scene Josef Frommwieser

costumi Marina Luxardo

disegno luci Gigi Saccomandi

musiche a cura di Flávio Martins Dos Santos

assistente alla regia Idelson Da Silva Costa

 

traduzione e regia Cesare Lievi

 

Teatro Nuovo Giovanni da Udine

CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia

 

Mettere in scena oggi Il principe di Homburg di Kleist non è solo ricordare il duecentesimo anno della sua morte (che tra l’altro sarà celebrata dall’uscita del volume della sua opera completa nei “Meridiani” Mondadori), ma significa fare il punto della tenuta culturale e umana della poesia di uno tra i più sconvolgenti e contradditori poeti drammatici del passato.

Al di là del prussianesimo di cui è imbevuto, c’è nel suo teatro qualcosa che parla con urgenza allo spettatore d’oggi? E se c’è, in che cosa consiste, e come si articola?

La nostra messa in scena vuole rispondere a queste domande e per farlo punteremo non tanto sul dramma di chi si trova dilaniato tra sentimento e legge, libertà e obbedienza, inconscio e norma, ma sulla proposta kleistiana (tutta moderna) di una possibile soluzione: da ogni conflitto si esce grazie a un sogno. Non importa se è destinato a cedere e crollare sotto il principio di realtà. Questa non è assoluta: in essa si può annidare un altro sogno in grado di metterla in discussione, e così via all’infinito.

Senza sogno, senza la sua forza, non c’è vita.

In uno spazio neoclassico, sospeso e irreale, dieci attori sempre in scena daranno vita, con la fluidità, la precisione e la vaghezza tipica dei sogni, a una vicenda fortemente drammatica e incalzante, in cui l’immaginazione (e l’inconscio che la determina) si presenta come forza fondamentale per decidere la vita, il suo senso e il suo destino.