LA CENA

Gruppo Batisfera

LA CENA

di

Jean-Claude Brisville

con

Andrea Ibba Monni

Emanuele Masillo

regia

Angelo Trofa

Gruppo Batisfera

LA CENA

di

Angelo Trofa

 

©sabinamurruLACENA2012 026Due uomini potenti e spregiudicati s’incontrano per cenare nell’oscurità di un ricco palazzo di Parigi. Sono il principe Talleyrand e il ministro della polizia Fouché ed hanno in mano il futuro del paese. La notte del 6 luglio 1815, infatti, la Francia è allo sbando. Napoleone è in fuga, Luigi XVIII è alle porte di Parigi, truppe straniere scorrazzano per gli Champs- Élysées e focolai di rivoluzionari sono ancora attivi.

©sabinamurruLACENA2012 060I due politici che per anni si sono osservati e temuti da lontano, devono, nell’arco di poche ore, trovare un accordo che possa garantirgli la continuità nell’esercizio del potere. Il principe corrotto e il borghese violento danno vita a un duello dialettico in cui emergono vecchi scontri, tradimenti, progetti, crimini, interessi, minacce. Nonostante il clima di aperto scontro i due mangiano, ballano, bevono e s’ubriacano.


Mentre il popolo di Parigi si accalca rabbioso sotto la loro finestra, il Principe e il Ministro, in fine, brindano all’accordo, al principio d’immutabilità, all’ennesimo tradimento. La cena è un testo forte e raffinato in cui nell’arco di un pasto si rivela la natura ambigua e violenta del potere: da una parte il suadente Talleyrand dall’altra il risoluto Fouché, il vizio e il crimine, la diplomazia e il controllo. Due anime in apparente conflitto che nel contrasto quotidiano non fanno altro che perpetuare la loro stessa immutabile esistenza.