“La torre d’avorio” di Ronald Harwood con Luca Zingaretti (che firma anche la regia) e Massimo De Francovich a Sassari e Cagliari

Il dilemma tra arte e politica ne “La torre d’avorio” di Ronald Harwood, con la regia di Luca Zingaretti, anche protagonista sulla scena insieme a Massimo De Francovich: la pièce che rievoca le accuse di collaborazionismo con il regime nazista mosse al grande direttore d’orchestra Wilhelm Furtwängler alla fine della seconda guerra mondiale debutterà in prima regionale DOMANI (domenica 23 febbraio), in replica lunedì 24 febbraio alle 21 al Nuovo Teatro Comunale di Sassari per la Stagione di Prosa 2013-14 del CeDAC nell’ambito del XXXIV Circuito Teatrale Regionale Sardo. La tournée nell’Isola sotto le insegne del CeDAC proseguirà da mercoledì 26 febbraio alle 20.30 fino a domenica 2 marzo (da mercoledì a sabato alle 20.30 e domenica alle 19) nel cartellone de “La Grande Prosa al Teatro Massimo” di Cagliari per una riflessione sulla libertà d’espressione e il senso sociale dell’arte, l’amore per la bellezza e la responsabilità dell’artista. – INCONTRO CON GLI ARTISTI “Oltre la Scena/ Gli attori raccontano…”: venerdì 28 febbraio alle 18 Luca Zingaretti e Massimo De Francovich e la compagnia saranno protagonisti al Cinema Odissea in viale Trieste 84 a Cagliari nel consueto incontro con il pubblico per una riflessione fra teatro e società – INGRESSO LIBERO (fino a esaurimento posti). – Tra cinema e teatro: A Cagliari – per la rassegna Schermi e Sipari/ “La grande prosa” al Cinema Odissea lunedì 24 febbraio alle 17 e domenica 2 marzo alle 11 nella sala di viale Trieste 84 si proietta “A torto o a ragione”, il film di István Szabó tratto dalla pièce di Harwood, e interpretato da Harvey Keitel nel ruolo del maggiore Steve Arnold e Stellan Skarsgård in quello di Wilhelm Furtwängler.