Latzus – Teatro Ragazzi

Fueddu e Gestu

Latzus

con Maura Grussu, Nanni Melis, Rossano Orrù

musiche di e con Ottavio Farci, Veronica Maccioni

audio, luci Gianni Erbì

progetto e messinscena Fueddu e Gestu

drammaturgia, maschere e regia Giampietro Orrù

Lo spettacolo prende spunto dalla favola di Esopo (VI sec. a.c.) “Il topo di città e il topo di campagna”. Riadattandola per il teatro in maniera clownesca e brechtiana, Fueddu e Gestu la trasforma e la riattualizza secondo le sue modalità creative tra “ricerca e tradizione”.

Il linguaggio utilizzato è volutamente “impuro”, popolare e contaminato tra sardo e italiano, per “raccontare” meglio il mondo dei personaggi, ma anche per restituire in maniera “poetica” una realtà disorientante, dove il contrasto tra città e campagna, oggi, ha assunto una fisionomia differente rispetto al passato.

Il breve “exempla” di Esopo, offre alla compagnia (attori e musicisti) l’opportunità di ironizzare sui vizi e le virtù della contemporaneità. Quindi l’inaffidabilità del cibo e l’inquinamento dell’acqua e dell’aria, la deturpazione della natura, le comodità del progresso con le insidie del consumismo sono il soggetto della performance.

Latzus è uno spettacolo per tutti, ma in particolare per i più piccoli, dove la favola con la figura degli animali personificati interpretati da Maura Grussu, Nanni Melis e Rossano Orrù, rappresenta un invito ad assumere uno spirito critico verso quel mondo privo di scrupoli che va contro la tutela della vita dell’uomo e della natura.