Max Ionata – Hammond Trio

Max Ionata – Hammond Trio

Max Ionata (sax)

Alberto Gurrisi (organo hammond)

 Amedeo Ariano (percussioni)

 

Max Ionata – sax

Classe 1972, Max Ionata è considerato uno dei maggiori sassofonisti italiani della scena jazz contemporanea che in pochi anni ha conquistato l’approvazione di critica e pubblico riscuotendo sempre grandi successi in Italia e all’estero. Ha all’attivo la pubblicazione di oltre settanta dischi e collaborazioni con musicisti italiani ed internazionali, risultando uno degli artisti italiani più apprezzati all’estero, in particolare in Giappone dove gode di una notevole fama artistica.

Oltre a guidare diversi progetti a proprio nome, collabora stabilmente con alcuni dei migliori musicisti della scena internazionale.

Ha suonato nei più importanti jazz club e jazz festivals al mondo e ha collaborato con grandi musicisti tra i quali: Robin Eubanks, Reuben Rogers, Clarence Penn, Lenny White, Billy Hart, Alvin Queen, Joe Locke, Anne Ducros, Steve Grossman, Mike Stern, Bob Mintzer, Bob Franceschini, Hiram Bullock, Joel Frahm, Miles Griffith, Anthony Pinciotti, Jon Cowherd, John Benitez, Dino Piana, Roberto Gatto, Dado Moroni, Stefano Di Battista, Gegè Telesforo, Giovanni Tommaso, Flavio Boltro, Furio Di Castri, Fabrizio Bosso, Enrico Pierannunzi, Mario Biondi, Ornella Vanoni, Sergio Cammariere, Renzo Arbore e molti altri.

Si è esibito in Giappone, Cina, Olanda, Inghilterra, Francia, Polonia, Spagna, Portogallo, Serbia, Svizzera, Danimarca, Germania, Emirati Arabi, Kuwait, Perù, Stati Uniti d’America.

Tra i riconoscimenti internazionali:

Il premio “Massimo Urbani” per la sezione fiati nell’anno 2000

Il primo premio al Concorso Nazionale di Jazz “Baronissi” nell’anno 2000

Il premio del pubblico al concorso internazionale “Tramplin Jazz D’Avignon” in Francia nel 2002.

Il premio “JAZZIT AWARD” 2012 come miglior sassofonista tenore italiano

Il premio “JAZZIT AWARD” 2013 come miglior sassofonista tenore italiano

L’importante rivista giapponese “Jazzlife”, oltre ad avergli dedicato un importante spazio all’interno del numero speciale “Jazz horn 2010″ con un’intervista, lo ha segnalato come “uno di quei sassofonisti che hanno aperto una nuova frontiera nel jazz”.

 

jazz-max-jonata

Alberto Gurrisi – organo Hammond

Pianista e organista, è diplomato ai Civici Corsi di Jazz di Milano, dove ha suonato in concerto con diverse formazioni della scuola (tra cui la Civica Jazz band di Enrico Intra). Da anni si dedica all’organo Hammond ed è membro stabile del quartetto di Franco Cerri, che lo ha fatto conoscere nel contesto nazionale del jazz, nel quale si è mosso anche in seno all’Hammond Trio, formazione con cui ha partecipato al festival di Iseo Jazz e che è stata trasmessa a Radio Tre Suite. Inoltre, ha accompagnato Enrico Rava in seno all’iniziativa ‘Maurizio Franco Incontra il Jazz’ e svolge un’intensa attività nell’ambito della scena milanese. Dal 2003 condivide diverse esperienze musicali con il chitarrista Alessandro Usai. In particolare Spare Time Trio (attivo dal 2004) e Alex Usai Blues Band (dal 2009) producono tre album e si esibiscono in numerosi club e festival italiani.

 

 

Amedeo Ariano – percussioni

Batterista, percussionista autodidatta, nato a Salerno nel 1967, si avvicina giovanissimo alla musica. Da vari anni presente sulla scena romana, è considerato dal pubblico e dalla critica uno tra i migliori batteristi italiani di jazz.

Dal ’92 al ’98 insegna batteria all’Accademia Musicale Setticlavio di Salerno.E’ coordinatore nazionale dell’ AIPS ( Associazione Nazionale dei Professionisti dello Spettacolo), direttore artistico del Festival Internazionale del Jazz e del Blues degli Alburni, presidente e direttore artistico dell’Associazione MUSICART, consulente musicale del Festival Emer Jazz di Roma e del Festival Internazionale “Oh, Jazz be Good”.La sua attività concertistica molto intensa è avvalorata dalla collaborazione con musicist stranieri di fama mondiale (tra cui Johnny Griffin, Bireli Lagrene, Sonny Fortune, Bobby Watson, Richie Cole, Jesse Davis , Steve Grossman, David Murray, Gorge Garzone, James Moody, George Coleman, Benny Golson, Ronnie Cuber, Larry Schneider, Larry Smith, Kirk Lightsey, Mulgrew Miller, Cedar Wolton, John Faddis, Conte Candoli, Claudio Roditi, Buky Pyzzarelli, Mike Mainieri…) e con notissimi jazzisti italiani (tra cui Romano Mussolini, Lino Patruno, Guido Pistocchi, Gianni Basso, Umberto Fiorentino, Maurizio Gianmarco, Stefano Sabatini, Dado Moroni, Antonio e Massimo Faraò, Franco Ambrosetti, Tony Scott, Flavio Boltro, Stefano Di Battista…)

Ha preso parte a numerose incisioni discografiche e colonne sonore dei film.

E’ chiamato in qualità di musicista nel ruolo di comparsa speciale nei film “Titus” con Jessica Lange ed Anthony Hopkins – e “Gli Eredi” – con Anna Falchi – e di attore nella fiction televisiva “L’uomo Sbagliato” di Stefano Reali. La sua versatilità musicale gli consente di far parte di gruppi musicali pop, blues, funky e musica leggera.

Tra i programmi televisivi: “Uno Mattina” (’96 – Rai Uno), “Maurizio Costanzo show” (’98 Canale 5), “Tribù” (’98 TMC), “Tappeto Volante” (’99 TMC), “Domenica In” (nell’orchestra Mambo Rai, intera edizione 99-2000 – Rai Uno), “Uno Mattina” nell’orchestra “I Luna d’oro” (intera edizione estate 2000- Rai Uno).

Dal ’92 ad oggi ha suonato in numerosi festival jazz italiani (Grand Prix del Jazz di Aosta, Euro Jazz Festival di Ivrea, Iseo Jazz, Jazz & co. di Como, Veneto Jazz, Padova Jazz, Worldwide Festival di Belluno, Bologna Jazz festival, Roma Jazz Festival, Umbria Jazz, …) e stranieri (Berlino, Monaco, Amburgo, Mosca, Ankara, Zurigo, Malta, Barcellona, …).

Dal 1998 è il batterista di Sergio Cammariere, formazione che nel 2003 ha conquistato il terzo posto assoluto del festival di San Remo, ricevendo inoltre il Premio della Critica, Premio Tenco, Premio Imaie, Premio Miglior Composizione e Premio Miglior Concerto Live.

Nel 2005 ritorna al Festival di San Remo conquistando il primo posto della Categoria Gruppi: Niky Nicolai e Stefano Di Battista Jazz Quartet. Ha suonato con Renzo Arbore a Rai International.Memorabile è il concerto al Teatro dell’Opera di Vienna con Lucio Dalla.