Vertigine

Teatro d’Inverno
V e r t i g i n e
drammaturgia e regia
Giuseppe Ligios

con
Lucia Dore
Giuseppe Ligios
Teatro d’Inverno
Vertigine
regia di Giuseppe Ligios

Una donna in crisi esistenziale decide di commettere un gesto estremo, gettarsi da un ponte. Un passante tenta di dissuaderla. Tra i due si innesca un dialogo surreale che innesca una reazione a catena che assumere un carattere schizofrenico. Dietro la provocazione di lei, i due si perdono in un gioco di ruoli che li porterà su un terreno tanto rischioso quanto paradossale.
In un crescendo di tensioni si arriverà a toccare corde sempre più intime. Sentimenti, famiglia, lavoro e insoddisfazioni sopite emergono scatenando una caotica quanto psicotica analisi delle loro vite. Assecondandosi reciprocamente i due si ritroveranno a rivivere, in una serie di flashback, le proprie ansie, insicurezze e frustrazioni in una sorta di lucida follia. Vengono così rievocati rapporti con moglie, marito, figli, amante, capoufficio tra rilanci continui in un morboso gioco alla provocazione. La storia avrà però un esito imprevisto.
Il testo, scritto e diretto da Giuseppe Ligios, che ne è anche interprete insieme all’attrice Lucia Dore, si rifà a quel filone della drammaturgia contemporanea in bilico tra la commedia dell’assurdo ed il surrealismo tipica di molti grandi autori del ‘900. La scena volutamente spoglia mette a fuoco tensioni e desideri dei personaggi che, “migrando” da una vita all’altra attraverso essenziali e quasi onirici cambi luce rotti a tratti da violenti strappi di colore e da suoni, sembrano essere sospesi in un mondo irreale al quale loro solo appartengono.