XXXIII Festival La Notte dei Poeti – dal 1 luglio al 7 agosto tra Nora e Pula, Carbonia e Alghero

XXXIII Festival “La Notte dei Poeti”
1 luglio > 7 agosto 2015

Arte e cultura per un’Isola da sogno: il XXXIII Festival La Notte dei Poeti organizzato dal CeDAC impreziosisce e illumina di nuova luce le bellezze della Sardegna, mettendo in risalto l’incanto delle coste e il fascino dei monumenti del passato, attraverso un intrigante itinerario fra il teatro romano dell’antica città di Nora, vicino a Pula e l’anfiteatro presso l’area archeologica di Monte Siraia Carbonia, fino allo spazio ritrovato de Lo Quarter di Alghero.

Una festa di parole, suoni e visioni sulle tracce dei grandi maestri – di oggi e di ieri – da Dante Alighieri a Ludovico Ariosto, da Giovanni Testori a Sergio Atzeni e Erri De Luca, con un omaggio danzato al genio di Fryderyk Chopin e allo spirito del tango: scritture in versi e in prosa e note classiche e contemporanee si fondono alla magia di panorami mozzafiato, per risvegliare nuove e antiche emozioni.

Sotto i riflettori artisti del calibro di Sandro Lombardi e David Riondino, Eugenio Allegri, Stefano Accorsi, Lucrezia Lante della Rovere, Erri De Luca e Enrico Bonavera; stelle della danza come Sabrina Brazzo e Kledi Kadiu; leggende del jazz comeBaba Sissoko, Antonello Salis e Famoudou Don Moye e signore del pop come Irene Grandi.

Il Festival La Notte dei Poeti, nato trentatré anni fa a Nora come combinazione felice di archeologia e poesia, di storia e teatro, si è definito nel tempo dal punto di vista stilistico, per le partecipazioni eccellenti e per gli eventi di spettacolo esclusivi ed irripetibili che si sono svolti tra le antiche pietre del Teatro Romano. Realizzato con il patrocinio e il sostegno del MiBACT, degli Assessorati alla Cultura e al Turismo della Regione Sardegna e dei Comuni di Pula, Carbonia e Alghero con la Fondazione META, e con il fondamentale apporto della Fondazione Banco di Sardegna, della SARAS e di Sardinia Ferries, e in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Sardegna, si ripropone quest’anno più ricco ed articolato, sempre all’insegna della poesia e dell’arte, ma con una particolare attenzione alla preziosità del sito, e alla sua fruibilità. Affinché anche altre importanti realtà archeologiche o storiche dell’isola siano esaltate da attività culturali e di spettacolo, La Notte dei Poeti proietta alcuni dei suoi momenti di spettacolo a Carbonia, illuminando di poesia, musica, danza, il sito archeologico di Monte Sirai, e ad Alghero il complesso medievale di Lo Quarter.

L’ideale sipario si aprirà mercoledì 1 luglio alle 22 – negli spazi dell’ex Municipio di Pula – sulle arcaiche polifonie del Cuncordu e Tenore de Orosei, per un concerto che vede la partecipazione straordinaria dei cantanti mongoli Tsogtgerel Tserendavaa eGarzoring Nergui: la vocalità tradizionale dell’Isola incontra il canto difonico Khoomij, in un evento di grande suggestione tra armonie sacre e profane. La cittadina sulla costa sud occidentale dell’Isola, a poche decine di chilometri da Cagliari si tingerà per tutta l’estate di suoni, colori e voci, tra performances itineranti e iniziative dedicate a grandi e piccini in cui si sposano divertimento e cultura, momenti ludici ed esercizi di creatività.

Tra le antiche pietre del Teatro Romano di Nora s’inizia invece al tramonto (dalle 20) – undici i titoli in cartellone dal 10 luglio al 5 agosto sul palcoscenico sospeso fra mare e cielo: l’inaugurazione è affidata a “#KOI/ cantando danzavamo”, progetto multimediale di Chiara Murru e Frantzisku Medda-Arrogalla, ispirato a “Passavamo sulla terra leggeri” di Sergio Atzeni, in cui s’intrecciano danza, letteratura e musica – quasi un manifesto dell’anima multidisciplinare del Festival.

Stefano Accorsi è il protagonista dell’epica cavalcata di “Giocando con Orlando – ASSOLO” ovvero “Tracce, memorie, letture da Orlando Furioso di Ludovico Ariosto secondo Marco Baliani” (l’11), mentre Federico Tiezzi firma un avvincente “Inferno Novecento” con Sandro Lombardi e David Riondino (il 12), in cui l’immaginario dantesco sapientemente si mescola all’attualità.

Canzoni d’autore (il 17 luglio) con Ivan Segreto in Trio; la parola affabulante di Testori riecheggerà (il 18) nell’“Edipus messo in scena da Leo Muscato e interpretato da Eugenio Allegri (vent’anni dopo la fortunata versione di Tiezzi con Sandro Lombardi) mentre Erri De Luca è autore e interprete (il 19) de “La Musica Provata” sulle note del Quartetto di Stefano Di Battistaimpreziosite dalla voce di Nicky Nicolai.

Teatro e danza per il weekend dal 24 al 26 luglio con “I segreti di Arlecchino” di e con Enrico Bonavera, che segna lo sbarco a Nora dei Teatridimare della Compagnia Çàjka; poi il Balletto Teatro di Torino con “In Chopin” di Marco De Alteriis, con la partecipazione straordinaria di Sabrina Brazzo e Andrea Volpintesta (primi ballerini del Teatro alla Scala di Milano) e – direttamente dal Festival di Spoleto – “Io sono Misia” di Vittorio Cielo, ispirato alla regina della Belle Epoque, pianista di talento emusa di celebri artisti, con Lucrezia Lante della Rovere.

Suggellano – in agosto – La Notte dei Poeti di Nora il “Contemporary Tango” del Balletto di Roma (il 1) con Kledi Kladiu e (il 5) il recital del duo formato dalla violinista Anna Tifu e dalla pianista Gloria Campaner – da Schumann a Ravel

Mostre, laboratori e parate spettacolari animeranno il centro storico di Pula tra luglio e agosto: l’ex Municipio – che diventerà la Casa del Festival – ospiterà una mostra fotografica su “Gli antichi scavi di Nora” (in Collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Sardegna) e l’esposizione Appunti da “70 Solitudini e un Coro” con le miniature di Lea Karen Gramsdorff e Simone Dulcis, per una sinestesia tra musica e arti visive. Si potranno ammirare le opere di “Maria Lai al telaio” – una selezione dei lavori delle tessitrici della Cooperativa Su Murmuri, in collaborazione con Arteficio – accanto agli ateliers di artigiani locali e a una mostra mercato delle loro produzioni; e per gli amanti della decima musa anche una rassegna di Cinema d’Autore pensata per grandi e piccini (in collaborazione con Spazio 2001).

Letteratura, teatro e poesia ispirano pièces come “Cantar l’Altrove” con Marta Proietti Orzella e il viaggio tra mito e storia di“Rovine/ Lasciate libero il passato” di Rossella Dassu, sulle tracce dell’antica “città sommersa”; e per i giovanissimi – oltre a lezioni per piccoli giardinieri e un divertente “baratto dei giocattoli”, il laboratorio “Pinocchio lo facciamo noi” a cura del costumista, scenografo e regista Marco Nateri – mentre in giro per le vie e le piazze sarà possibile incontrare le “Matte Maschere Maccus”inventate da Virginia Viviano e lasciarsi coinvolgere da “La discesa dei giullari” orchestrata da Maurizio Giordo, fra acrobazie di teatro-circo e giullarate medioevali.

Trittico sonoro all’anfiteatro di Monte Sirai a Carbonia – presso l’omonimo sito archeologico: si parte il 5 luglio alle 22 con The Choir of Gonville and Caius College di Cambridge per un excursus nella musica antica, con un’antologia di brani tratti dall’album“In Praise of St Columba: The Sound World of the Ancient Celtic Church”; seguirà l’11 luglio sempre alle 22 il suggestivo “# KOI/ cantando danzavamo”; infine il 26 luglio alle 22 riflettori puntati su Roundella, eclettica formazione che schiera Francesca Corrias(voce, flauto, effetti), Mauro Laconi (chitarra), Filippo Mundula (contrabbasso) e Gianrico Manca (batteria), con all’attivo l’album “Biography”, in bilico fra ricerca e spontaneità.

Nella suggestiva cornice architettonica de Lo Quarter ad Alghero si comincia dalla musica, il 18 luglio, con il concerto di Ivan Segreto in Trio, per proseguire con la danza di “In Chopin” (il 24) e il “Contemporary Tango” (il 31 luglio); il 1 agosto spazio a una signora del pop-rock, la cantante Irene Grandi (in versione rigorosamente acustica), poi il 4 agosto i classici accenti del duoAnna Tifu-Gloria Campaner e infine il 7 agosto la “Jazz (R)evolution” di Baba Sissoko, Antonello Salis e Famoudou Don Moye sui sentieri dell’improvvisazione (inizio spettacoli ore 21.30).

per l’Ufficio Stampa del CeDAC/ Sardegna:
Anna Brotzu – cell. 328.6923069 – cedac.uffstampa@gmail.com